giovedì 8 settembre 2016

35° MOTORADUNO DELLA VERNACCIA INTERNAZIONALE D'ECCELLENZA - PROGRAMMA



35° MOTORADUNO DELLA VERNACCIA INTERNAZIONALE D'ECCELLENZA
Riola Sardo, 09 -10 e 11 Settembre 2016
 Moto kart Club Riola


VENERDI 09 SETTEMBRE

Ore 17:00 Inizio manifestazione a Riola Sardo presso i Giardini Pubblici
Ore 18:00 Partenza per il giro turistico (Riola, Sa Rocca Tunda, Mandriola, Putzu Idu, sosta, Su cuccuru Mannu, Riola)
Ore 19:30 Rientro a Riola
Ore 22:00 Serata Musicale


SABATO 10 SETTEMBRE

Ore 10:00 Apertura iscrizioni presso i giardini pubblici;
Ore 11:30 Chiusura iscrizioni e partenza per il giro turistico (Riola, Narbolia, Baratili S.P.,Zeddiani, S.Vero Milis, Milis, Bonarcado, Santu Lussurgiu, San Leonardo, Macomer, Sindia, Suni, Bosa, Bosa Marina, sosta gruppo, Turas, Magomadas, Tresnuraghes, Sennariolo, Cuglieri, Santa Caterina, S'Archittu, Torre del Pozzo, Riola);
Ore 13:30 Sosta con pranzo a BOSA MARINA;
Ore 16:00 Rientro verso Riola;
Ore 17:30 Rientro a Riola e riapertura iscrizioni
Ore 20:00 Chiusura iscrizioni
Ore 20:00 Inizio serata di intrattenimento musicale con i  MY MISSIS, KILL SWITCH, I CRISTAL.


DOMENICA 11 SETTEMBRE

Ore 10:00 Apertura iscrizioni presso i Giardini Pubblici;
Ore 12:13 Chiusura delle iscrizioni e partenza per il giro turistico (Riola, Narbolia, San Vero Milis, Zeddiani, Cabras, Torre Grande Oristano, Donigala, Nurachi, Riola);
Ore 13:30 Rientro a Riola Sardo e premiazioni nazionali e internazionali;
Ore 14:00 Inizio serata di intrattenimento musicale;
Ore 16:00 Premiazioni Regionali;
Ore 17:00 Saluto dei partecipanti.

lunedì 25 luglio 2016

"Is Còzusu" di Sant'Anna





estratto dal libro "Goggius" del Sacerdote riolese Giovanni Sechi (raccolta completa di lodi sacre in lingua sarda)



26 Luglio
SANT’ANNA di Riola
(Madre di Maria Vergine)
____________________

I
Regiu solìu magestosu
De Gesùs e de Maria
Anna ampara nos e ghia
In custu mundu penosu.

1 - De Emenenziana naschìda
E de Istolanu ingendrada,
Universale avvocada
De Deus a impegnu elegida
De chelu a terra benida
Pro s’afflittu e bisongiosu.

2 - Primos vitales alientos
A tie Betlemme hat dadu
Su chelu t’hat ammiradu
E sa terra per momentos
E tottus s’istan cuntentos
In partu tantu gososu.

3 - A su nascher has mostradu
In su pettus benedittu,
In litteras de oro iscrittu
Po tres bortas replicadu
Su nomen tantu amadu
De Anna tottu graziosu.

4 - Anna a su templu portada
In edade conveniente
In chie che ispigu lughente
Ognunu si mirada
Ue a Deus Anna intregada
Coro e pettus ossequiosu.

5 - De Jesus nonn’istimada
De Marìa mamma ermosa
De Iachinu dulche isposa
E de Deus arca sagrada
De cherubinos guardada
Cun misteriu portentosu.

6 - Anna femina ma forte;
Isterile, ma fecunda
Anna trista ma giocunda
In prospera a avversa sorte;
Anna in trasitu de morte
Nunziu allegru e piagherosu.

7 - Anna piena de improperios
Anna piena de suspiros,
Anna amante de ritiros
Suffridos in vituperios
Anna in ambos emisferios
Astru raru e luminosu.

8 - Anna sa cantada in coros
De s’eterea gerarchìa,
Anna Mamma de Maria
S’allegria de sos coros,
De celestiales tesoros
Campu bellu e deliziosu.

9 - Dama eccelsa coronada
De sa trinidade unìda
De Maria obbedida
E de Jesus carignada,
De anghelos saludada
Cun rispettu fervorosu.

10 - Anna tottu melodia
Anna tottu soavedade,
Arca vera de piedade
Digna Mamma de Maria
De tanta soberania
Tottu s’inferru est chessosu.

11 - Anna chi sos coros infiammas
In seraficu ardore,
Anna vulcanu de amore
Vesuviu de castas fiamas
Anna chi tottu derramas
Finesas, grazias e gosu.

12 - Faeddet su tribuladu
Neretillu s’affligidu
O si chesset s’abbattidu,
Nerget su necessitadu
Si a niunu est faltadu
S’amparu tou poderosu.

13 - O Anna, cantos clamores
Cantas chessas e lamentos
Non has cunvertid’ in contentos
Benefizios e favores
A giustos e peccadores
Su coro tou piedosu.

14 - Pro sa libertade imploras
In partos Anna diciosa,
Chi est sa piùs facile cosa
Chi alcanzas a tot’is oras
De su Jesus ch’adoras
Tottu misericordiosu.

15 - De virtudes tott’ornada
E de meritos arricchida
Accabestis custa vida
Sende in bratzos ispirada
De Maria Fiza amada
E de Jeus amorosu.

16 - Tottu custos supplicantes
A sos pees tuos umiliados
Contritos de sos peccados
Chi cunfessesis innantes
Pro chi los fettas triunfantes
De su dimoniu ingannosu


Logra nos de su Messia
Descansu eternu e riposu
Anna ampara nos e ghia
In custu mundu penosu.

________________


II
O celeste re splendore
De su mundu lughe e ghia
Anna Mamma de Maria
E Nonna a su Redentore


1- Naschet minore in su mundu
Sa chi fit grande in su chelu
Intrat s’inferru in rezelu
Tremet tottu su profundu,
De custu sole giocundu
De vividu resplendore.

2- A s’istante chi naschesit
De manu angelicale
In su pettus virginale
Po tres bortas si scriesit,
Nomen chi s’interpretesit
Grazia de su Signore.

3 - Sa lughe de sa rexone
Appenas bos rajesit
In su templu si occupesit
In fervente orazione,
Pro sa umana redenzione,
Supplicande su Creadore.

4 - De Adamu inobediente
A su precettu divinu
Su peccadu de continu
Pianghet Anna amaramente
De su bratzu Onnipotente
Placande bos su rigore.

5 - S’ennosura prodigiosa
De sa cale fit dotada,
Sa grazia manifestada
De s’anima piùs ermosa
Ch’istesit vittoriosa,
De dogna mundanu errore

6 - Pro avvisu celestiale
Elegisit pro isposu
A Giachinu virtuosu,
Ambos de stirpe reale,
In santidade uguale
Ne in ispiritu inferiore.

7 - Fruttu de benedizione,
Cun s’isposu non apisit,
E in su templu patisit
Sa repulsa e confuzione,
Umile in s’afflizione
Fioresit cun grande amore.

8 - In su giardinu occupada
Cun suspiros e clamores
De fecunda sos dolores
A su chelu supplicada,
E istesit consolada
De su celeste favore.

9 - Sa fiza chi os promittiat
Tantu tempus disigiada,
Cherfisit esser giamada
Pro altu misteriu Maria,
Già chi essere depiat
Mamma de su Salvadore

10 - Cun custa grazia cessesit
Su disigiu tantu ardente
Chi apisit continuamente
Fin a chi in gosu paresit
Cun s’orazione alcanzesit
De su chelu tale onore.

11 - Eroina prodigiosa,
Tengas milli parabenes
Chi de sa fiza chi tenes
Ses mamma sa piùs diciosa
S’arbore deliziosa
De su piùs amenu fiore.

12 - Rajesit a competenza
In Anna s’umilidade,
Su zelu e sa santidade,
Sa puresa e s’obbedienzia,
Fortelesa e passienzia,
Cun fruttos de summu amore.

13 - Cando bos laman de veras,
Cun bogbes duras penosas
In sas penas rigorosas
Sas affligidas parteras
Ascurtade sas pregheras
Mitigade su dolore.

14 - Consolu de affligidos
Grazia de sos necessitados,
Rimediu sos tribulados
Dimandan tottus unidos
Zegos, zoppos e tulidus
De dogni pena e dolore.

15 - De anghelos coronada,
Sa dicios’alma spiresit
In s’agonia restesit
De Maria Consolada,
E de Jess infiammada
De puru e divinu amore.

A su tristu peccadore
Succuride in s’agonia
Anna Mamma de Maria
E Nonna a su Redentore.

_______________




Note a cura di Benedetto Sulas  
(sulle prime sedici sestine e relative quartine)

PRIMA QUARTINA
1)      Solìu – Trono, Soglio (Lo Spano scrive “Sòliu” – Vocabolàriu Sardu-Italianu)
2)   Ampara nos – Proteggici (spagn. amparar)
3)   Ghia – Guida (cat. spagn. guia)

      SESTINE
2)      Alientos – Respiri (spagn. aliento)
      Gososu – Lieto (dallo spagn. gozar);
3)      Anna – Nome derivato dall’ebraico significa “graziosa”
4)      Intregada – Donava (dallo spagn. entregar)
5)      Ermosa – Bella (spagn. hermosa)
9)      Carignada – Accarezzata (dallo spagn. carinar)
10)   Soberanìa – Sovranità (spagn. soberanìa)
        Chessosu – Lamentevole (dallo spagn. quejar)
11)  Derramas – Distribuisci (dallo spagn. derramar)
12)   Faltadu – Mancato (dallo spagn. faltar)
13)  Cuntentos – Felicità (dallo spagn. contento sost.)
14)  Libertade – In questo caso potrebbe significare l’atto del partorire. In dialetto riolese“partorire” si dice “allibetai” (liberare). Sant’Anna era anche protettrice delle partorienti.
       Alcanzas – Concedi (dallo spagn. alcanzar)

SECONDA QUARTINA
1)      Logra – Ottieni (dallo spagn. lograr)
2)   Descansu – Riposo (dal cat. spagn. descansar)

martedì 19 luglio 2016

Riola: FESTA DI SANT'ANNA 2016 - programma completo


locandina 

SANT'ANNA
dal 23 al 28 Luglio
Comitato "I ragazzi del '66 "


SABATO 23 LUGLIO 
festeggiamenti civili 
ore 21,00   "Ricordando Benigno"  a cura della Fondazione Daga
Spettacolo letterario tra poesia e narrativa Sarda con la partecipazione del poeta Franco Masala, con Nino Pericu e Carmela Arghittu.  

presso "Is Landiris" - S.S. 292 incrocio Putzu Idu



DOMENICA 24 LUGLIO 
festeggiamenti civili
ore 06,00 "Sa dii de Su Lau" partenza per la raccolta e, a seguire, distribuzione dell'alloro per le vie del paese.

ritrovo fronte Giardini Pubblici "Le collinette"


LUNEDI’ 25 LUGLIO 
festeggiamenti religiosi
ore 19,00    Vespri
festeggiamenti Civili
ore 22,00  Gara a Chitarracon Bazzoni, Denanni, Manca e Mocci.

pratza de i Bàllusu - p.zza La Marmora (ex mercato civico)



MARTEDI’ 26 LUGLIO -  (SANT'ANNA)
festeggiamenti religiosi
ore 8,00    Prima Messa
ore 10,00  Processione e Messa
festeggiamenti Civili
ore 22,00   Istentales in Concerto presso Giardini Pubblici  "Le collinette"
ore 23.15   Fuochi d'artificio "S'Arroda de Arriorarealizzata dalla ditta "Giorgio Oliva di Pabillonis.


 MERCOLEDI’ 27 LUGLIO 
festeggiamenti religiosi
ore 8,00    Prima Messa
ore 18,30  Processione e Messa
festeggiamenti Civili
ore 22,00   Gruppo musicale  Rock Tales” in concerto  
Durante lo spettacolo sarà effettuata l'estrazione dei bigietti vincenti della lotteria di S.Anna

presso Giardini Pubblici  "Le collinette"



 GIOVEDI’ 28 LUGLIO 
festeggiamenti Civili
ore 22,00   Esibizione del gruppo etnico  Galusè con balli sardi in piazza e altro ancora... 

pratza de i Bàllusu - p.zza La Marmora (ex mercato civico)




martedì 8 marzo 2016

INCONTRI-LEZIONE SUL DIALETTO RIOLESE, LINGUA DI CONFINE…

“Is Arrioresus” promuove una serie di incontri-lezione con Benedetto Sulas sul dialetto riolese.

Gli incontri, che avranno cadenza bisettimanale (fino a giugno), hanno l’obiettivo di favorire la conoscenza e l’approfondimento del dialetto riolese in tutte le sue caratteristiche. Un patrimonio linguistico da tutelare e valorizzare in quanto parte della nostra cultura…

Il primo appuntamento è fissato per giovedì 31 marzo presso l’ex asilo infantile di via S.Anna, alle ore 18.30.

Agli incontri-lezione (gratuiti) possono partecipare tutti. E’ sufficiente comunicare la propria adesione/partecipazione con le seguenti modalità:

- tramite messaggio privato alla pagina facebook “Is Arrioresus”
- via mail al seguente indirizzo: blog.isarrioresus@gmail.com
- all’apertura del primo incontro/lezione.
(dovranno essere comunicati: nome, cognome, luogo di residenza, numero di cellulare/telefono).


giovedì 8 ottobre 2015

L'album dei ricordi: Riolesi a Su Pallosu


Piccola galleria fotografica di riolesi a Su Pallosu. 
Il ricordo di un'epoca. Quella delle stagioni estive trascorse nelle caratteristiche capanne di falasco (oramai scomparse). Amicizie, divertimenti, vita comunitaria d'altri tempi.











Piergiorgio Zoncu (1968)










Franco Pisu e Tullio Sireus (anni '80)










Carminetta e Claudino









famiglia Pisu (anni '60)




bambini - primi anni '70


                                                                     tuffi in "piscina"

Tziu Graziano Medde - anni '80








Su Pallosu - primi anni '70










                                                  Su Pallosu - fine anni '70






Danilo Atzori e Gilberto Linzas - primi anni '70










Chi volesse contribuire ed aggiungere altre fotografie alla galleria può inviarle (con descrizione) al seguente indirizzo di posta elettronica: blog.isarrioresus@gmail.com

giovedì 1 ottobre 2015

Antica "pregadoria": IS PARAULA' MANNASA ( ĩ arrioresu)

"Is paràula' mànnasa" e' un'antica preghiera-scongiuro che fa parte della tradizione orale conosciuta in tutta la Sardegna. 
Essa deriva da una novella popolare diffusa in Europa: la novella de Is paràulas bonas de Santu Martinu, il santo originario della Gallia che fu vescovo di Tours nel IV secolo. La versione riolese del racconto, tuttavia, non fa alcun riferimento a San Martino.
Si narra infatti che il diavolo, un giorno, andò da una famiglia molto povera a cui offerse molto denaro, dicendo che sarebbe tornato all'improvviso e al suo ritorno avrebbe chiesto al capo famiglia "Is paràula' mànnasa". Se non le avesse sapute avrebbe preteso la restituzione dei soldi.
Il capo famiglia girò in lungo e in largo per impararle, finché non ci riuscì. Quando il diavolo si ripresentò e lo interrogò, egli recitò correttamente le "paràulas" richieste. Con la risposta alla tredicisima e ultima domanda il capo famiglia vinse la sfida e scacciò il diavolo.
Questa "pregadoria" generalmente veniva recitata dalle donne (insieme al rosario) in occasione di temporali, quando mancava la luce e si stava davanti  al camino che in quel momento rappresentava l'unica fonte luminosa.  
Is paràula' mànnasa (parole magiche) per essere efficaci dovevano essere recitate nel giusto ordine e senza alcun errore.



IS PARAULA MANNASA ( ĩ arrioresu)


- Paràula manna mi ‘nd’asi a nãi ũa
- E’ pru’ forti su soi chi no sa lũa. 

- Paràula manna mi ‘nd’asi a nãi dùasa
- I duas taba’ de Mosè, ca Zesu Cristu esti andau a pei' ĩ terra ‘e Zerusalemi nendi Babbu, Fillu e Spiridu Santu ame’. 

- Paràula manna mi ‘nd’asi a nãi tresi 
- Is tre’ Marìasa, i duas taba' de Mosè, ca Zesu Cristu esti andau a pei' ĩ terra ‘e Zerusalemi nendi Babbu, Fillu e Spiridu Santu ame’. 

- Paràula manna mi ‘nd’as’a nãi cuattru 
- Is cuattru evanzelìstasa, is tre’ Marìasa, i duas taba’ de Mosè, ca Zesu Cristu esti andau a pei' ĩ terra ‘e Zerusalemi nendi Babbu, Fillu e Spiridu Santu ame’. 

- Paràula manna mi ‘nd’as’a nãi cincu 
- I cincu liàgasa, is cuattru evanzelìstasa, is tre’ Marìasa, i duas taba' de Mosè, ca Zesu Cristu esti andau a pei' ĩ terra ‘e Zerusalemi nendi Babbu, Fillu e Spiridu Santu ame’. 

- Paràula manna mi ‘nd’as’a nãi sesi 
- I ses’ candròbusu, i cincu liàgasa, is cuattru evanzelìstasa, is tre’ Marìasa, i duas taba' de Mosè, ca Zesu Cristu esti andau a pei' ĩ terra ‘e Zerusalemi nendi Babbu, Fillu e Spiridu Santu ame’. 

- Paràula manna mi ‘nd’as’a nãi setti 
- I setti dollòrisi, i ses’ candròbusu, i cincu liàgasa, is cuattru evanzelìstasa, is tre’ Marìasa, i duas taba' de Mosè, ca Zesu Cristu esti andau a pei' ĩ terra ‘e Zerusalemi nendi Babbu, Fillu e Spiridu Santu ame’. 

- Paràula manna mi ‘nd’as’a nãi ottu
- Is ottu gòsusu, i setti dollòrisi, i ses’ candròbusu, i cincu liàgasa, is cuattru evanzelìstasa, is tre’ Marìasa, i duas taba' de Mosè, ca Zesu Cristu esti andau a pei' ĩ terra ‘e Zerusalemi nendi Babbu, Fillu e Spiridu Santu ame’. 

- Paràula manna mi ‘nd’as’a nãi nõi 
- I nõi coru' de anghiusu, is ottu gòsusu, i setti dollòrisi, i ses’ candròbusu, i cincu liàgasa, is cuattru evanzelìstasa, is tre’ Marìasa, i duas taba' de Mosè, ca Zesu Cristu esti andau a pei' ĩ terra ‘e Zerusalemi nendi Babbu, Fillu e Spiridu Santu ame’. 

- Paràula manna mi ‘nd’as’a nãi deghi
- I deghi cumandamèntusu, i nõi coru' de anghiusu, is ottu gòsusu, i setti dollòrisi, i ses’ candròbusu, i cincu liàgasa, is cuattru evanzelìstasa, is tre’ Marìasa, i duas taba' de Mosè, ca Zesu Cristu esti andau a pei' ĩ terra ‘e Zerusalemi nendi Babbu, Fillu e Spiridu Santu ame’. 

- Paràula manna mi ‘nd’as’a nãi undighi 
- Is undighimila virzinisi, i deghi cumandamèntusu, i nõi coru' de anghiusu, is ottu gòsusu, i setti dollòrisi, i ses’ candròbusu, i cincu liàgasa, is cuattru evanzelìstasa, is tre’ Marìasa, i duas taba' de Mosè, ca Zesu Cristu esti andau a pei' ĩ terra ‘e Zerusalemi nendi Babbu, Fillu e Spiridu Santu ame’. 

- Paràula manna mi ‘nd’as’a nãi doighi 
- I doighi apostulusu, is undighimila virzinisi, i deghi cumandamèntusu, i nõi coru' de anghiusu, is ottu gòsusu, i setti dollòrisi, i ses’ candròbusu, i cincu liàgasa, is cuattru evanzelìstasa, is tre’ Marìasa, i duas taba' de Mosè, ca Zesu Cristu esti andau a pei' ĩ terra ‘e Zerusalemi nendi Babbu, Fillu e Spiridu Santu ame’. 

- Paràula manna mi ‘nd’as’a nãi tréighi 
- Sa de tréighi no e’ de lèi, s’arimigu infernalli s’inch’andi’ de mei. 



Note
- "s’arimigu infernalli" il diavolo 
- "candrobu" deriva dal cat. candelobra  



Ringraziamenti: 
ad Angioletta Melis  per la trascrizione de "Is paraula' mànnasa" così come recitate in dialetto riolese.



venerdì 4 settembre 2015

34° Motoraduno Internazionale d' Eccellenza della Vernaccia - Programma completo



34° MOTORADUNO D'ECCELLENZA DELLA VERNACCIA
Riola Sardo, 11-12 e 13 Settembre 2015
a cura del Moto kart Club Riola


VENERDI 11 SETTEMBRE

Ore 16:00 Apertura iscrizioni presso i giardini pubblici
Ore 17:00 Chiusura iscrizione e partenza per un giro turistico nel Sinis (Riola, Nurachi, Cabras, S. Giovanni, S. Salvatore, Su cuccuru Mannu, Riola)
Ore 20:00 Rientro a Riola e Cena convenzionata
Ore 21:30 Serata di intrattenimento con “PIERPAOLO THE PRINCE, IN RAFFAELLA CARRÀ SHOW


SABATO 12 SETEMBRE

Ore 10:30 Apertura iscrizioni presso i giardini pubblici;
Ore 11:30 Chiusura iscrizioni e partenza per un giro turistico (Riola, Narbolia, Seneghe,Bonarcado, Santu Lussurgiu, Cuglieri, S.Caterina di Pittinuri, S’Archittu, Torre del Pozzo, Riola);
Ore 13:30 Pranzo convenzionato presso l’agriturismo “Pittinuri” a santa Caterina di Pittinuri;
Ore 17:00 proseguo delle iscrizioni
Ore 18:00 Rientro a Riola;
Ore 19:00 Chiusura iscrizioni
Ore 20:30 Cena a Riola presso i Giardini Pubblici;
Ore 21:00 Serata di Intrattenimento: "ROCK IN RIO-LA" con i LOGRIND, SOFT LOUD, BREAKIN DOWN, DA BROKENBARBIE


DOMENICA 13 SETTEMBRE

Ore 10:00 Apertura iscrizioni presso i Giardini Pubblici;
Ore 12:15 Chiusura iscrizioni e partenza per un giro turistico (Riola, Baratili, Zeddiani, San Vero Milis, Tramatza, Milis, Narbolia, Torre del Pozzo, Riola);
Ore 13:30 Pranzo convenzionato presso il ristorante “La Capanna” in Torre del Pozzo e a seguire premiazioni dei partecipanti;
Ore 16:00 Estrazione della sottoscrizione a premi e saluto dei partecipanti.


Locandina - programma della manifestazione
Locandina concerto Rock in Rio-La

giovedì 20 agosto 2015

Cartolina di un prigioniero di guerra riolese

Questa è la storia di una cartolina scritta nel 1944 da un riolese - prigioniero di guerra durante la seconda guerra mondiale - al proprio fratello. 
Una cartolina postale partita da un campo di prigionia in Kenya, conservata gelosamente per oltre settanta anni.
La missiva in particolare fu scritta da Giacinto Sulas (prigioniero degli Inglesi a seguito della sconfitta dell’Esercito Italiano in Africa Orientale) al fratello Benedetto, per informarlo di un importante cambiamento nella vita del campo di prigionia.
Questo il testo:

Kenya, li 29-05-44
Caro Benedetto – ho il piacere di comunicarti che a partire dal primo giugno del corrente anno i prigionieri di guerra, che si trovano nell’Africa orientale inglese, non saranno più considerati come prigionieri, ma bensì come amici coobelligeranti, e quindi avremo un trattamento migliore. 
Ho ricevuto la tua lettera. Ti contraccambio i saluti. 
Tuo fratello Giacinto


Cartolina originale (clicca sulle foto per ingrandire)


Giacinto Sulas, dopo un lungo periodo trascorso in Africa, fu trasferito in Inghilterra, dove rimase prigioniero degli Inglesi ancora per alcuni anni (fino al 1947-48).

I fratelli Giacinto e Benedetto erano rispettivamente il padre e lo zio di Benedetto Sulas.


mercoledì 19 agosto 2015

Controversia tra parroci all'inizio del ‘900: "PREI SECHI E IL SACERDOTE CARIA"

Il Comm.re Virginio Sias, in un capitolo del libro “Memorie di Riola, Baratili e Nurachi” offre una panoramica sulle vicende del Clero riolese a partire dall’ultimo scorcio dell’800 fino "ai giorni d’oggi" (il libro è stato pubblicato nel 1986)
L’argomento è, per molti versi difficile e scabroso, ma interessante e meritevole di approfondimento in quanto - come afferma il Sias – "il Clero ha sempre avuto parte di rilievo nella vita di tutti i giorni della nostra popolazione".
Nel capitolo in questione l'Autore propone una cronistoria dei parroci che si sono succeduti a Riola, accompagnata da notizie di fatti e avvenimenti poco noti.
Egli si sofferma sulla lunga controversia che nei primi decenni del secolo scorso ha opposto Giovanni Sechi (Prei Sechi), sacerdote riolese, a Don Salvatore Caria, parroco originario di Nurachi (la controversia peraltro e' stata oggetto di un ricorso al Pontefice Benedetto XV). 
Di entrambi i personaggi ne tratteggia il carattere e l’indole, prendendo decisamente le difese del Sac. Caria, descritto come un uomo semplice e onesto, il quale sarebbe stato ingiustamente accusato e maltrattato.
Ne viene fuori invece un ritratto del sacerdote riolese (Prei Sechi) non proprio edificante: intelligente, colto e di ineccepibili costumi, ma allo stesso tempo ostinato e arrogante, dal temperamento ribelle, insofferente a qualsiasi disciplina gerarchica.
Si deve rilevare che l'Autore, tuttavia, non fa alcun riferimento all'importanza dell'attività svolta dal parroco riolese sul piano culturale.
Prei Sèchi infatti fu particolarmente attivo nella ricerca e nello studio degli antichi inni sacri della Sardegna ( "gosos" o “còzusu” in riolese), di cui pubblicò un'ottima raccolta (in proposito si veda il post:  "Is Còzusu di Prei Sechi" (clicca) ).

Di seguito si riportano alcuni stralci del libro del Comm.re  Virginio Sias sulle vicende del Sac. Caria e di Prei Sèchi:


Sac. Giovanni Sechi (1869-1946)

**********

Novembre 1908; è Parroco a Riola il Sacerdote Salvatore Caria, originario di Nurachi. Di questo parroco, esemplare per dirittura morale parleremo a lungo, poiché vi è da dire molto. 
La semplicità, la sua sentita missione evangelica, pur non osservando in maniera ortodossa le pratiche di un rituale che forse la sua modesta cultura non gli consentiva di penetrare nell’essenza – cosa di cui gli avversari gli faranno carico – la condotta integerrima, la sobrietà della vita, l’amore sviscerato per i poveri, ne fanno un sacerdote modello.
…….
Dissentiamo pertanto in tutta coscienza da quanto il Sac. Giovanni Sechi espose a suo carico nel Ricorso a S.S. Benedetto Papa XV contro il rev. Salvatore Caria Parroco di Riola nonché contro la immeritata difesa fattane dall’Arcivescovo di Oristano S.E. Mons. E. Piovella, Tipografia fratelli Garau, Guspini 1919.
In detto libello di 50 pagine, rarissimo, che ho potuto consultare presso un archivio privato romano, il Rev. Sechi, con bontà tutta sua, lancia pesanti accuse contro il Parroco rev. Caria, non risparmiando neppure invettive all’indirizzo del Vescovo Mons. Piovella e del Vicario Generale Carta.
Gli addebiti che il rev. Sechi rivolge al rev. Caria sono di una gravità inaudita: 
ignoranza e inosservanza delle leggi liturgiche, affettata balbuzienza”, tanto da autorizzare a “ritenere che il sacrificio della Messa celebrata dal rev. Caria sia nullo”.
Gli attribuisce ancora eresie, quali quella di credere nella nessuna utilità della preghiera, e che le messe celebrate in suffragio delle anime dei trapassati non apporta loro nessun profitto, che il denaro impiegato dai fedeli a questo scopo è meglio che se lo mangino essi, perché dandolo a questo scopo a preti sazi è denaro perduto
E altre negligenze in cui sarebbe incorso, ad esempio di non ritirare la chiave del tabernacolo della S.S. Eucarestia, tanto che accadde che un ragazzo nell’ottobre 1917 aprì il tabernacolo e si mangiò le ostie consacrate. Ha inettitudine a compiere una funzione religiosa anche la più semplice, quale quella di recitare il Rosario col popolo”.
Il povero parroco non rimase indenne di censura neppure nella sua vita privata da parte dell’ostinato Sac. Sechi, che insiste ancora:
E’ sordido davvero… con la indecente pratica di buttare ogni mattina il contenuto del suo vaso da notte dalla finestra nella via pubblica, col pericolo spesso di lordare i transitanti”. E ancora:
“nella notte del 10 aprile 1916 invece di alloggiare in casa sua il Missionario per l’emigrazione Bottacci, lo avvio all’unica osteria esistente nel paese!....
Pur rendendomi conto che mi sto avventurando su un campo minato, è doveroso pur a distanza di tanto tempo tentarne la difesa o fornire chiarimenti su alcune delle principali accuse formulate contro il rev. Caria apparse sul libello che ho indicato, che con tutta probabilità negli ambienti curiali non ebbe alcuna degnazione.



Il parroco Caria era un poveruomo, riferito ben inteso alle sue qualità certamente non eccelse circa la preparazione sacerdotale, cultura, modesta intelligenza; era però – è quel che più conta – un santuomo, inteso non in senso canonico ma come può essere giudicato dall’uomo della strada, per la sua semplicità, onestà, integrità di costumi, per l’amore per le classi misere, per le elemosine che elargiva ai bisognosi.
E’ falso e blasfemo affermare che egli “riteneva le preghiere di nessuna utilità e che le messe in suffragio delle anime dei defunti erano inutili”.
La verità è ben diversa. Quando si recava da lui un bracciante o uno straccione – che a quei tempi potevano andare sottobraccio – per fare celebrare una messa in suffragio dei loro cari, il rev. Caria non aveva coraggio di sottrarre a quel derelitto i pochi spiccioli che appena bastavano per il pane dei propri figli e cosi gli diceva: Vai pure che il denaro della messa è meglio che lo mangiate anziché darlo ai preti. Pregherò io per i tuoi defunti. Sic!
Il Vescovo informato avrebbe risposto:Se perde queste offerte peggio per lui, e saggiamente non prese alcun provvedimento nei suoi riguardi.
Il rev. Caria fu rigido custode della morale e verso i suoi vice Parroci – purtroppo non ascoltato – non risparmiò il suo biasimo e gli ammonimenti, esortandoli a tenere una corretta e austera condotta come si addice ad un ministro di Dio. Egli ne era un fulgido esempio.
……
Il rev. Sechi, l’autore del Ricorso, fu vice Parroco a Riola dal 1° gennaio al 30 ottobre 1913 e sarebbe stato indubbiamente di valido ausilio al Parroco se fra i due non vi fosse stata una inconciliabile diversità di carattere. 
Il rev. Caria semplice, fatto alla buona, onesto, caritatevole; il Sechi anch’egli di ineccepibili costumi, probo, intelligente, ma nevrastenico e arrogante. Non conosceva il senso della misura e ignorava il rispetto dovuto al Parroco, al Vicario Generale ed all’Arcivescovo.
Nei loro confronti non esitava a assumere atteggiamenti provocatori e sprezzanti con frasi irriguardose, oltre il limite dell’ingiuria e della diffamazione come ad esempio il vergognoso atteggiamento dell’Arcivescovo, Parroco delinquente, servirsi di mezzi illeciti, esaltata fantasia del Vicario Generale, ecc.
Il carattere insopportabile, la grinta indisponente valsero al rev. Sechi quindici anni di peregrinazioni nelle sedi più disparate e male accette, dalle quali però riusciva sempre a farsi trasferire per motivi di salute veri o presunti.
Il rev. Sechi però non demorde e persiste nella sua campagna ostile verso i Parroci coi quali viene a contatto, sacerdoti in genere e verso le superiori autorità ecclesiastiche. Il suo temperamento ribelle, insofferente di qualsiasi disciplina gerarchica, lo spinge ad una critica spietata su tutto e contro tutti. Ha presunzione di superiorità .
La cura e la perseveranza da lui posta in ricerche genealogiche complesse e difficili, che affondavano radici in epoche lontanissime, proprie da certosino, al fine di riscattare beni perduti per la Chiesa, l’intelligenza che non gli faceva difetto, una sufficiente cultura anche storica non gli valsero a dominare i suoi istinti di predominio e di insofferenza.
Poiché per abbracciare la carriera ecclesiastica da lui prescelta era indispensabile il patrimonio che egli non poteva disporre perché di famiglia povera e nullatenente, mio padre a suo tempo gli venne incontro cedendogli con atto pubblico un esteso vigneto (Prunis) e parte di uno stabile, che il rev. Sechi si affrettò però a restituirgli appena consacrato sacerdote.
Il rev. Sechi successivamente ottenutone il permesso si iscrisse al Corso Magistrale di Oristano conseguendo il Diploma di Maestro elementare il 25/09/1916 e ottenendo quindi la licenza all’insegnamento prima a Mogoro poi a Riola. Dopo ulteriori lagnanze da parte di Parroci, Vice Parroci e di un Arciprete, l’Arcivescovo perse la pazienza e sospese il rev. Sechi a divinis il 25/10/1918.
Richiestone il Sechi il motivo, cosi gli rispose Mons. Piovella: Per l’odio che tu mantieni da tanti anni con il rev. Caria non posso io permettere che un Sacerdote celebri la S. Messa in tale stato di peccato mortale.



Tratto dal libro “Memorie di Riola Baratili Nurachi” di Virginio Sias (ed. S'Alvure 1986)


martedì 28 luglio 2015

SCOMPARE TZIA MARIEDDA, ULTRACENTENARIA RIOLESE


Tzia Mariedda

E’ venuta a mancare recentemente (pochi giorni prima della festa di Sant’Anna) Tzia Mariedda (Maria Elena Sardu), la persona più anziana di Riola, che aveva appena compiuto la bellezza di 105 anni.
Tzia Mariedda era nata nel lontano 1910 a Masua, nell’Iglesiente, ma risiedeva a Riola da tempo immemore poiché sposata al riolese Giuseppe Vidili da cui ha avuto quattro figli.
Per molti anni Tzia Mariedda ha gestito un piccolo negozio di generi alimentari in via Principe Amedeo (dov’era la sua abitazione) ed era benvoluta dai riolesi per la disponibilità e il carattere socievole. 
Nel corso degli ultimi anni sono state diverse le persone che hanno superato i cento anni, a dimostrazione che vivere a Riola, evidentemente, fa bene e allunga la vita. Nessuno però, finora, aveva raggiunto i 105 anni come Lei.
A Tzia Mariedda, oggi più che mai,  vanno il ricordo e l'affetto dei riolesi.


g.l.

venerdì 24 luglio 2015

IL SINIS DI RIOLA - ANNOTAZIONI, “ SU ‘ACCHIBI DE ZUANNI ‘MÒNTISI”

La provinciale n. 66, nota ai riolesi come “Su cammĩu mannu”, è la principale strada di accesso al Sinis di Riola, la direttrice da cui si dipartono le altre diramazioni che permettono di raggiungere le varie località del territorio riolese: su cammĩu de Pruĩsi, su cammĩu de Funt’Arrizòĩsi, su cammĩu de Oru ‘e Simbua, su cammĩu de Matta ‘e Isterri, ecc. 
Su “cammĩu mannu” ha inizio poco dopo il ponte di Riola, percorrendo per alcune centinaia di metri  la S.S. 292 (direzione Cuglieri)  per poi prendere a sinistra sulla nuova rotonda.
Attraversa il territorio di Riola per circa dodici chilometri fino a raggiungere la località di “Su Cuccuru Mannu” dove sono situate le cave d’arenaria ora dismesse, nelle quali è stato realizzato il “Parco dei suoni e della musica”.
Poco distante, la roccia di “Sa punta ‘e s’ancòdia” costituisce il punto più ad ovest del territorio riolese, linea di confine costiero con il comune di San Vero Milis (si tratta di una grande roccia a forma d’incudine, protesa sul mare cristallino, nota anche per il detto riolese “bai e scavuadinchi de sa Punta ‘e s’ancòdia”). L''alta falesia di "Sa Roia 'e su cantaru" segna invece il confine con il comune di Cabras.

Punta 'e s'ancòdia

In passato percorrere questa strada – una pista polverosa, sconnessa e piena di buche – significava fare un viaggio avventuroso, alla scoperta di un paesaggio vario, ricco di colori e profumi, popolato da una gran varietà di animali e uccelli. 
Alberto Ferrero Della Marmora, geografo e naturalista, viaggiatore e conoscitore della Sardegna dell’’800, nel libro “Itinerario dell’isola di Sardegna(pubblicato nel 1860) descrive così il Sinis: 
La parte più rilevante del Sinis è però incolta, per cui è uno dei luoghi dell’Isola più adatti alla caccia al volo. Lungo la riva occidentale del grande stagno di Cabras, fin dopo Riola, ci sono paludi e zone umide, in cui abbonda la selvaggina: beccacce, beccaccini, anatre, gallinelle d’acqua, pivieri ecc. La regione montuosa del Sinis è popolata da una grande quantità di pernici oltre che di quaglie, che qui si fermano per tutto l’anno, mentre la pianura secca è la dimora principale della piccola otarda; perciò segnalo questa zona agli amanti della caccia al volo”.

I riolesi, ancora fino alla metà del secolo scorso, con carri e carrette o più semplicemente a piedi, percorrevano quotidianamente le strade e i sentieri del Sinis per raggiungere su sattu: i campi da lavorare, i pascoli per il bestiame (prevalentemente pecore) nonché le vaste distese ricoperte di macchia mediterranea (lentischi, ginepri, cisti, palme nane, ecc.) dove si potevano svolgere varie attività che contribuivano al sostentamento familiare.
Ad esempio la caccia a conigli, lepri, pernici o cinghiali; la raccolta della legna e delle fascine ricavati dagli arbusti della macchia; la raccolta delle lumache; ecc..

    [“In quelle strade polverose si passava in carretta rientrando dal mare dalla gita domenicale.  Ricordo che le donne, per non sporcarsi nuovamente (al mare ne approfittavano per lavarsi, utilizzando al posto del sapone “su tabatzu”, ossia un pezzetto di tegola, come fosse una pietra pomice), si coprivano dalla testa ai piedi con gonne e lenzuola. 
Arrivando all'altezza di Mont'e Palla lo spettacolo che si  apriva agli occhi, e che non potrò mai dimenticare, era di una bellezza sconvolgente. Una grande distesa verde di lentisco (non c'erano alberi di alto fusto) e una grande macchia bianca, Sa'e Proccusu.]  
       [“Dalle falesie in prossimità di "Sa roia 'e su cantaru" uscivano cascatelle di acqua dolce. Mia madre raccontava che le capre, grandi arrampicatrici, sovente si abbeveravano sulle rocce. L'acqua peraltro veniva utilizzata anche da coloro che vi si trovavano a passare”.] 
      (racconto/memorie di Anna Maria Sanna)

Le vaste aree incolte del Sinis oltre che i terreni facenti parte della Comunella (1) - costituivano territorio di pascolo per alcuni caprari riolesi e cabraresi i quali possedevano numerosi capi (le capre, notoriamente, si adattano a tutti i tipi di terreno e di vegetazione, e particolarmente ai suoli pietrosi e rocciosi, scoscesi, ricoperti di macchia).
Tra gli ultimi allevatori che hanno operato nel Sinis fino agli anni '50 del secolo scorso si ricordano i Demontis e i Marongiu di Riola, legati da stretti vincoli di parentela, nonchè i Manca di Cabras (soprannome: “Anni Anni”). Questi ultimi avevano allestito l’ovile (“su ‘aibi”, in dialetto cabrarese) nelle antiche cave di arenaria di Is Aruttas e pascolavano le loro capre su un'area piuttosto ampia, fino a giungere in prossimità del comunale riolese. 
Dell’attività di caprari dei Demontis, invece, rimane ancora oggi una delle testimonianze più interessanti: Su ‘Acchibi de Zuanni ‘Mòntisi (2), ossia il ricovero per le capre realizzato nei primi decenni del '900 da Giovanni Demontis (1875-1968).

'acchibi  ('aibi) di  Is Aruttas famiglia Manca, Cabras

Giovanni Demontis (1875-1968)

Lo si può notare percorrendo "Su cammĩu mannu" in direzione Su Cuccuru Mannu, dopo Mont’e Palla, a meno di un chilometro dal Parco dei Suoni. Approssimativamente all’altezza della collinetta ricoperta di macchia mediterranea in cima alla quale un tempo sorgeva il nuraghe denominato “S’Uraccheddu Piudu”, oggi sostanzialmente distrutto, visibile  sul lato sinistro della strada. 
Si tratta di un grande recinto circolare costituito da un muretto a secco alto circa un metro, con un diametro di 26-32 metri, situato su un sensibile rilievo digradante verso la salina di “Sa ‘e Pròccusu” (Sale Porcus). Una bella palma nana adiacente lo impreziosisce; in alcuni tratti il recinto è danneggiato.
L’ovile, nel periodo del suo utilizzo, veniva in buona parte ricoperto da tettoie realizzate con legname, frasche o fieno palustre, necessarie per riparare gli animali dal sole e dall’umidità nelle notti estive e dalle intemperie durante il periodo invernale.


Su 'acchibi  visto dall'alto (foto 1) e lateralmente (foto 2)

Oggi “Su ‘Acchibi” non svolge più la sua antica funzione. Colpisce per le sue dimensioni che lo fanno risaltare in un paesaggio caratterizzato da vaste estensioni di terreno coltivato a cereali, laddove un tempo la macchia mediterranea ricopriva a perdita d’occhio  la zona circostante.
Pare quasi una struttura  nuragica o pre-nuragica che richiama alla memoria la preistoria della penisola del Sinis. 
Un monumento che è certamente parte della nostra storia e della nostra cultura, e come tale dovrebbe essere preservato e tutelato.

g.l.


Note:  
1) La "Comunella" - Comunione generale dei pascoli di Riola Sardo -  è un istituto creato agli inizi del '900  per regolamentare i diritti di pascolo dei pastori (e allevatori di bestiame in genere) e quelli degli agricoltori, sia sui terreni di proprietà comunale che su quelli  privati. 
La Comunella ricalca l'antica consuetudine comunitaria dell'alternanza biennale dell'utilizzo dei terreni, i quali venivano  suddivisi in zona Vidazzoni, destinati alla semina, e poberibi, riservati al pascolo (si veda anche il  seguente post: La Comunella (clicca qui));

2) "(b)acchibi": (lat. *Vaccile), ossia ricovero/recinto per le vacche; termine che per estensione viene utilizzato a indicare il ricovero di animali in genere, sia bovini che ovi-caprini (si veda il ditzionariu Sardu Unificadu di Tonino Mario Rubattu)



mercoledì 22 luglio 2015

Riola: FESTA DI SANT'ANNA 2015 - programma completo




SANT'ANNA e SAN GIOACCHINO
25/26/27 Luglio 2015


SABATO 25 LUGLIO 
festeggiamenti religiosi
ore 19,00  S. Messa e Vespri
festeggiamenti civili 
ore 22,00   DISCO PER L’ESTATE

Presso Giardini Pubblici


DOMENICA 26 LUGLIO 
festeggiamenti religiosi
ore 8,00      Prima Messa
ore 10,00    Processione - Santa Messa
festeggiamenti civili
ore 18,00 GIOCHI SENZA FRONTIERE (per i più piccoli) – CABARET – MICROMAGIE – BABY DANCE – CARAMELLE E PALLONCINI – GIOCOLIERI – EQUILIBRISTI – GIOCHI CON IL FUOCO
ore 22,00  DEAMISTADE IN CONCERTO
ore 23,00   S’ARRODA – Spettacolo pirotecnico a cura di Oliva Fuochi Artificiali (Villaurbana)
ore 23,30 Proseguo concerto DEAMISTADE

Presso Giardini Pubblici


LUNEDI’ 27 LUGLIO 
festeggiamenti religiosi
ore 18,30    Processione - Santa Messa
festeggiamenti Civili
ore 22,00   “GARA A CHITARRA” con De Nanni Franco, Daniele Giallara, Salis Salvatorangelo, Antonio Porcu; chitarra: Bruno Maludrottu; fisarmonica: Graziano Caddeo.

Presso P.zza La Marmora (ex mercato civico)